L’Astrologia fa parte del patrimonio culturale che ha accompagnato l’uomo nelle sue diverse epoche. Nata presso gli antichi popoli Sumeri e Babilonesi, diffusasi in Egitto e sviluppatasi presso gli Arabi e in Oriente, inizialmente consisteva nell’osservazione della volta celeste e nello studio dei movimenti degli mastri. L’uomo antico identificava le forze divine che governavano le stagioni, le eclissi, le maree, nel potere del Sole, della Luna e degli altri pianeti. Egli dava per scontata l’influenza dei corpi celesti sulle vicende della vita umana, poiché intuiva di far parte dell’Universo e dell’insieme di corpi celesti: terra, cielo e pianeti. Più tardi l’Astrologia si distaccò dall’astronomia e assunse un certificato più divinatorio e magico e oggi, recuperato in parte il linguaggio non verbale fatto di simboli e immagini archetipiche, viene utilizzata come strumento di conoscenza dell’animo umano; molti miti e simboli sono quindi tuttora validi per penetrare nella più profonda psicologia dell’uomo. Oggi l’interesse per l’Astrologia è nuovamente in espansione e in alcuni Paesi d’Europa è materia di studi universitari. Nel corso degli anni molti studi e ricerche hanno consentito di dare risposte a diversi quesiti, prima insoluti, attraverso l’interpretazione astrologica. L’analisi astrologica permette di scoprire le tendenze psicologiche, comportamentali, patologiche, e di individuare le tendenze professionali e affettive, seguendone l’evoluzione nell’arco dell’esistenza. Sarà così facile localizzare potenzialità e debolezze con tutte le implicazioni di scelte che esse comportano. Questa antichissima scienza si è evoluta nell’arco dei secoli e, probabilmente, nasconde ancora un grande patrimonio perduto, fin da quando nel 1600 la Controriforma si scagliò contro l’Astrologia e coloro che la praticavano, arrivando fino all’istituzione di processi per stregoneria. Dal 1700 subisce un processo denigratorio, per cui diventa una disciplina ermetica e nascosta, coltivata da società segrete quali i Massoni e i Rosacroce. Goethe, Schiller e altri sono fra i suoi cultori. Fra la fine dell’800 e i primi del 900 nasce in Germania la scuola del Kloker di cui ancora si possono reperire i testi. Fu successivamente Carl Gustav Jung ad associare l’Astrologia alla psicologia, dando un’impronta più psicologica e analitica dell’interpretazione astrologica; egli, oltre al concetto di causa-effetto, sostiene quello di sincronicità, poiché i due pensieri sono legati fra loro dallo stesso significato analogico e dalla causa che li ha prodotti. Dall’altro lato vi è la scuola di pensiero astrologico più scientifico che basa i propri studi sul metodo induttivo, servendosi della statistica quale mezzo di riscontro. L’Astrologia nata come scienza sacra, è spesso confusa, nei momenti di discredito, con la superstizione, e ancora oggi è apprezzata solo da pochi come studio della realtà interiore dell’uomo attraverso una serie di simboli che sono i segni dello Zodiaco, gli astri, i pianeti, le case astrologiche, gli aspetti planetari. Molte persone fanno spesso confusione tra Astrologia, Cartomanzia, Chiromanzia e altre discipline Esoteriche, ed è difficile sradicare questa idea errata della mentalità popolare, ma è importante separare l’Astrologia da ogni altro metodo divinatorio. E’ vero che attraverso l ‘Astrologia è possibile prevedere eventi riguardanti l’Universo, la Terra o la vita dell’uomo in particolare, ma è bene sfatare false dicerie e dissociare l’Astrologia di ogni tipo di magia. E’ vero, inoltre, che attraverso l’interpretazione dei transiti (lo spostamento dei pianeti), attraverso la Rivoluzione solare (ritorno del Sole al momento del compleanno sulla esatta posizione di nascita)e le direzioni primarie e secondarie è possibile fare previsioni sui futuri avvenimenti, senza perdere però di vista l’obiettivo primario: il soggetto reagirà a quell’aspetto planetario poiché, alla nascita, egli ha interiorizzato le caratteristiche di quel pianeta in un determinato modo, e l’Astrologia può dunque suggerire quando muoversi con prudenza per evitare colossali errori e, al contrario, quando è possibile osare, con buone possibilità di riuscita, poiché felici aspetti di Saturno o di Giove ci danno una particolare fermezza e lucidità mentale, mentre in altri periodi L’astrologia segnalerà aspetti di annebbiamento mentale o di possibili facili illusioni. L’Astrologia dunque , usata come moderno strumento di conoscenza può essere utile per suggerire come muoversi meglio nel quotidiano, consci delle proprie potenzialità come delle debolezze, anche perché astra inclinant non necessitant (“le stesse rendono inclini, non costringono”), per dirla con San Tommaso D’Aquino, quando, nel codificare la tolleranza fra Chiesa e Astrologia, Affermò la possibilità di conciliare la teoria astrologica con il libero arbitrio.

Dal libro “Astroguida” di Maria Grazia Barilli